Seleziona Pagina

Le persone senza dimora in Italia

Secondo l’indagine Istat sulle persone senza dimora, svolta in collaborazione con fio.PSD e Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e Caritas italiana, sono 50.724 le persone senza dimora stimate in Italia nel 2015. Queste persone vivono in povertà estrema ovvero in una condizione di disagio profondo legato prima di tutto alla mancanza di una casa come luogo intimo e di rifugio e, legato all’ intreccio di povertà di beni materiali per la sussistenza e fragilità personali multi-dimensionali e complesse

Il campione osservato è composto da persone che, secondo la classificazione ETHOS (Italiano, Francese, Inglese), vivono in strada o nei servizi di accoglienza notturna

I 2/3 delle persone senza dimora dichiara inoltre di essere iscritto all’anagrafe e di avere una Residenza in un Comune italiano

Il profilo medio delle persone senza dimora è rappresentato per la maggior parte da uomini (85,7%), 4 su 10 sono italiani, 4 su 10 sono cronici ovvero vivono in strada da più di 4 anni, più della metà sono immigrati da altri paesi (Marocco, Tunisia, Albania, Romania), hanno un’età media di circa 44 anni e vivono prevalentemente nelle regioni del Nord Italia (56%)

Le donne rappresentano il 14% delle persone senza dimora (6.239), ma seguono dei percorsi di vita particolari e più caratterizzati dalle rotture delle relazioni familiari come causa principale di homelessness (Leggi l’approfondimento sulle Donne Senza Dimora)

“Senza dimora” non è sinonimo di “assistenzialismo”. Solo il 3% dichiara di ricevere sussidi dal Comune o da altri Enti pubblici

Il 62% ha invece un reddito mensile proveniente da attività lavorativa (anche irregolare e saltuaria) con un guadagno medio mensile tra le 100 e le 499 euro, mentre il 30 % vive di espedienti e collette. Il 17% non ha alcuna fonte di reddito

Solo il 14% delle persone non è stato in grado di rispondere all’intervista, a causa di problemi legati a disabilità fisiche o mentali, dipendenze da sostanze o da alcol, o per la ridotta conoscenza della lingua italiana. Questo “ritratto” invece è quello che più spesso troviamo nelle immagini di repertorio dei media o che risponde al sentire comune. La popolazione dei senza dimora presenta invece molte sfumature. Le cause e i fattori di vulnerabilità si assomigliano (perdita del lavoro, della salute, della famiglia sono gli eventi di rottura prevalenti ci dice l’Istat). ma che Le condizioni di vita pregresse evidenziano che i due terzi delle persone senza dimora aveva una casa propria. Proprio la perdita dell’alloggio rappresenta uno dei fattori di rischio maggiori che, a partire dalla difficoltà di pagare l’affitto fino ad arrivare allo sfratto vero e proprio o alla difficoltà di mantenere le spese per l’abitazione, conduce verso la homelessness (vedi il 3° Rapporto sull’Housing Exclusion in Europa)

Le storie di vita invece sono uniche e ognuna segue un proprio percorso come dimostrano le immagini raccolte nei due Workshop Fotografici Homelessness e Housing First

Una parte dell’indagine Istat è stata anche dedicata all’analisi dei Servizi di strada, che forniscono servizi  itineranti nei luoghi frequentati dalle persone senza dimora, che rappresentano da sempre il servizio di prossimità per eccellenza (leggi l’approfondimento del Gruppo di Lavoro “Lavoro di Strada e Residenza”)

Nei 158 Comuni coinvolti nell’indagine, sono state censite 229 unità di strada, un terzo operante nel Nod-Ovest, mentre il Lazio, con 49 unità (48 delle quali attive a Roma), rappresenta la Regione con il maggior numero di servizi, seguito da Lombardia (47), Piemonte (20), Veneto e Sicilia (in entrambe 16 UDS), e Sardegna (15)

Questi dati come altri possono servire a meglio comprendere il fenomeno senza dimora in Italia, ma sono serviti soprattutto come base conoscitiva per scrivere le Linee di Indirizzo e per distribuire le risorse ministeriali ed europee. Infatti, a livello di social policy e di advocacy, l’indagine è diventata il riferimento per la distribuzione delle risorse pubbliche a supporto di una nuova strategia di contrasto alla grave marginalità

Dati tratti dall’Indagine Istat

Classificazione ETHOS (Ita)

La grave emarginazione adulta, pubblicato in Povertà in Attesa (rapporto Caritas 2018)

L’Italia nel panorama EuropeoHomelessness in Italy

News & Aggiornamenti

Il diritto all’abitare in Italia

Il diritto all’abitare in Italia

Il diritto all'abitare Il Diritto all'abitare è da sempre un tema su cui la Federazione insieme ai suoi soci si impegna in ogni possibile strada Il documento che abbiamo elaborato grazie al prezioso contributo del socio Avvocato di strada ripercorre il quadro...

leggi tutto
Vademecum Residenza per i Senza Dimora

Vademecum Residenza per i Senza Dimora

La Residenza e l’iscrizione anagrafica rappresentano per ogni cittadino la certificazione di “esistere”, di essere portatori di diritti soggettivi fondamentali e di avere la garanzia di poterli esercitare. Per le persone senza dimora, la residenza anagrafica rappresenta un passo ancora più importante, perché ad essa si collega la possibilità di usufruire dei servizi sanitari, socio-assistenziali e abitativi, erogati dagli enti locali.

leggi tutto
Lettera all’INPS

Lettera all’INPS

Nei giorni scorsi la presidente Avonto ha scritto una lettera al presidente di INPS prof. Pasquale Tridico nella quale si rinnova la disponibilità a mantenere aperto un dialogo e un confronto sull’iniziativa INPS per tutti, avviata da INPS e rivolta anche alle persone senza dimora

leggi tutto
Ammessa l’autodichiarazione per il Reddito di Cittadinanza

Ammessa l’autodichiarazione per il Reddito di Cittadinanza

Le persone senza dimora possono fare l’autodichiarazione per richiedere il Reddito di Cittadinanza
La Nota 1319 del 19-02-2020 del Ministero del lavoro e delle Politiche Sociali fa chiarezza in materia di residenza e reddito di cittadinanza spiegando che le persone senza dimora – anche se cancellate in anagrafe per irreperibilità  –  possono fare richiesta del reddito di cittadinanza

leggi tutto
Dalla Circolare al “circolare!”

Dalla Circolare al “circolare!”

Vivere per strada, in un dormitorio, in una situazione precaria o ospitato fortunosamente da qualcuno è una condizione di disagio estrema, forse la peggiore perché toglie dignità, forza e umanità Viviamo in un periodo in cui l’attenzione è spinta, per un...

leggi tutto

Iscriviti alla Newsletter fio.PSD

Rimani aggiornato su novità, progetti, campagne, formazione, appuntamenti ed eventi italiani e europei

Grazie per aver compilato il form Per tua sicurezza e per la privacy al fine di completare l'iscrizione dovrai cliccare sul pulsante che ti è arrivato via mail, grazie

Share This