Seleziona Pagina

Housing First

Housing First – prima la Casa

Cos’è l’Housing First?

L’Housing First è probabilmente uno degli approcci più innovativi per intervenire nel contrasto alla grave marginalità adulta

Sviluppato dal Dr. Sam Tsemberis a New York negli anni Novanta, questo modello si è rivelato di successo nei tentativi di risolvere la condizione di senza dimora di persone con disagio multi-fattoriale negli USA, in Canada ed in molti paesi europei incluso l’Italia

In pratica, le persone con anni di vita in strada o a serio rischio di perdere l’abitazione, ricevono dai servizi sociali territoriali l’opportunità di entrare in un appartamento autonomo “senza passare dal dormitorio” godendo dell’accompagnamento di una equipe di operatori sociali (supported housing) direttamente in casa

La ricerca mostra che in 8 casi su 10 la persona esce dall’isolamento, stabilizza il proprio benessere psico-fisico, si prende cura della propria salute, si impegna in attività di training e occupazioni (piccoli lavoretti), di svago ed in molti casi riprende i legami con familiari e amici (Pleace e Bretherton 2013; Cortese 2016; Molinari e Zenarolla 2018)

Come si fa Housing First?

Applicare l’Housing First in Italia nell’ambito dei servizi rivolti alla homelessenss vuol dire ispirarsi concretamente agli 8 principi guida europei elaborati da un team di esperti– tra cui Marco Iazzolino per l’Italia – in collaborazione con il Dr. Tsemberis, fondatore del primo programma Housing First (Pathways to Housing): Abitare è un diritto umano; I partecipanti hanno diritto di scelta e controllo; Distinzione tra abitare e trattamento terapeutico; Orientamento al Recovery; Riduzione del danno; Coinvolgimento attivo e non coercitivo; Progettazione centrata sulla persona; Supporto flessibile per tutto il tempo necessario

Gli addetti ai lavori sanno che si tratta di principi utili in tutti gli approcci di intervento con persone fragili e multiproblematiche. Tuttavia, l’Housing First richiede alle equipe di progetto un significativo orientamento alla personalizzazione dell’intervento e alla centralità della persona

In questo approccio le priorità sono dare accesso alla casa, mettere la persona nelle condizioni ottimali per poter agire/reagire/scegliere guidate da un ambiente supportato, intimo e sicuro, promuovere la riduzione del danno e offrire un accompagnamento per tutto il tempo necessario

Dove viene applicato?

Oltra agli Stati Uniti, Canada, Australia, anche in Europa molti paesi hanno applicato il modello (consulta la mappa dell’Housing First Hub Europe). Ogni paese ha investito risorse pubbliche, private o donazioni per finanziare i progetti e ogni paese ha dedicato la propria attenzione a target groups specifici (giovani, donne vittime di violenza, famiglie, psd croniche e con problemi di salute mentale, etc…)

Dal 2014 anche in Italia è stata avviata la sperimentazione del modello Housing First. Oltre 50 organizzazioni che lavorano con le persone senza dimora nel settore pubblico, privato e privato sociale hanno deciso di applicare il modello come innovazione dei propri servizi e hanno aderito al programma del Network Housing First Italia, fondato e coordinato da fio.PSD

Il programma del Network continua ancora oggi e nel 2019 sono moltissime e sempre in aumento le organizzazioni che attraverso questo approccio accolgono in casa persone con storie di homelessness e offrono loro un supporto e un accompagnamento costante (consulta la mappa del NHFI)

 

Monitoraggio e valutazione

Sempre nel 2014 si è costituito spontaneamente un Comitato Scientifico coordinato da fio.PSD per studiare le caratteristiche e le dinamiche dell’Housing First in Italia

Il gruppo si è ispirato ed è in collegamento costante con i colleghi internazionali (Tim Aubry, Sam Tsemberis, Debora Padgett, solo per citarne alcuni) e i colleghi europei (Josè Ornelas, Nicholas Pleace, Volker Busch-Geertsema, Isabel Baptista) e ha consentito di investire in formazione, supervisione e valutazione dei progetti housing first Italia sviluppati all’interno del Network

Gli studiosi hanno inoltre elaborato una metodologia di analisi estremamente valida e utile per raccogliere risultati, impatti e “storie di vita” delle oltre 400 persone accolte nelle case housing first.

Per approfondire sugli strumenti di valutazione dell’Housing First Italia consulta la pagina dedicata

Per saperne di più e aderire al Network Housing First Italia scrivere a fiopsd@fiopsd.org

Guida Housing First

Guida Housing First Europe

Aderenti Housing First Italia

Housing First Europe

#HousingFirstItalia

Housing First su Wikipedia

Pubblicazioni Housing First a cura fio.PSD

Collana Povertà e Percorsi di Innovazione Sociale
Libro fotografico

News & Aggiornamenti

Primo incontro dell’Housing First European Hub

Primo incontro dell’Housing First European Hub

Primo incontro dell’Housing First European Hub Il Network Housing First Italia di fio.PSD ha preso parte, dal 15 al 16 maggio, al primo incontro dell’Housing First European Hub, che si è tenuto a Barcellona, con 3 formatori che hanno condiviso l’esperienza italiana...

leggi tutto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter fio.PSD

Rimani aggiornato su novità, progetti, campagne, formazione, appuntamenti ed eventi italiani e europei

Grazie per aver compilato il form Per tua sicurezza e per la privacy al fine di completare l'iscrizione dovrai cliccare sul pulsante che ti è arrivato via mail, grazie

Share This